Stop alle polemiche e agli insulti…non se ne può davvero più!!!

STOP ALLE POLEMICHE E AGLI INSULTI DA QUALSIASI PARTE ESSI ARRIVINO!!!!!
NON SE NE PUÒ DAVVERO PIÙ…..

WTKA in tutti questi anni si è ritagliata un chiaro spazio nel panorama delle arti marziali e degli sport da combattimento per la qualità del suo lavoro ma anche e soprattutto per il modo  in cui l’ha ottenuto, che vale per noi molto di più degli innegabili risultati raggiunti.

Abbiamo sempre dato la precedenza ai valori, ai principi, alla serietà, alla nobiltà d’animo e non cambieremo certo ora.
Ci dissociamo completamente da chi offende, deride, insulta i maestri da qualsiasi parte essi provengano o svolgano la propria attività, rispettiamo l’operato di tutti ovunque questo avvenga purché nel rispetto degli altri e delle basilari norme di educazione.
Questi sono i principi che ci appartengono e che insegnano i nostri sport e che noi per primi dovremmo essere in grado di mettere in atto con coerenza.

Inutile ergersi a paldini e depositari di chissà quali valori rispetto ad altre attività sportive se poi non si è in grado di rispettare gli altri e non si fa altro che negare i principi stessi degli sport che rappresentiamo.
E’ una faida continua dalla quale ci dissociamo completamente anche quando dovesse venire dalla nostra parte, e nel caso ce ne scusiamo.

Rispettiamo tutti i maestri, tutte le organizzazioni e la federazione del Coni, ma non aspiriamo a questi modelli, siamo, e lo diciamo da anni chiaramente senza possibilità di fraintendimenti, un organizzazione sui generis totalmente differente che non scimmiotta l’operato della federazione ufficiale che rispettiamo e riconosciamo, o di altri, ma che si sforza pur con tutti i suoi limiti di dare la migliore attività possibile a tutti, i tantissimi maestri che hanno riposto la loro fiducia in noi ed in questo modello dal carattere così fortemente familiare con un nucleo di valori fortissimi ed inalienabili tra cui il rispetto per gli altri.

Tra le tante cose che non vanno in Italia una smentisce l’assioma generale, ovvero la possibilità di scegliere liberamente a livello sportivo dove meglio esercitare la propria attività e questa è una grande fortuna.
I maestri hanno le idee molto chiare e non saranno certo le nostre polemiche a convincerli dove esercitere la propria attività, ma andranno dove meglio sentiranno gratificate le proprie esigenze e ciascuno ha il diritto di avere le proprie.
Ognuno per altro ha il diritto di promuovere la propria attività come meglio crede e noi non smetteremo certo di farlo per far conoscere quello che siamo e quello che facciamo, che ciascuno faccia lo stesso come meglio crede se lo ritiene opportuno ma rispettando il lavoro di tutti gli altri.

Saranno i maestri, tanto lo ripeto, a scegliere dove esercitare la propria attività in funzione delle proprie esigenze e valori.
Detto ciò auguro buon lavoro a tutti e spero che si possa mantenere un profilo di maggior serietà e rispetto anche per coerenza con il ruolo cosi importante che hanno i nostri maestri come educatori, per il rispetto che dobbiamo verso gli allievi e dei valori che dovremmo per primi coerentemente rappresentare.

Facciamo tutti un passo indietro per farne cento in avanti, ognuno con le sue peculiarità e valori.

Michele Panfietti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.